GiustiziaNews

domenica 15 febbraio 2015

GIUSTIZIA: ecco la top ten degli articoli recenti più letti e condivisi negli ultimi giorni.

Nuovo regolamento avvocati: cinque affari l’anno o fuori dall’albo! E tu cosa pensi? Rispondi al sondaggio.
Almeno cinque affari per ogni anno altrimenti si viene banditi dall’albo. È una delle condizioni essenziali che l’avvocato dovrà garantire, per poter continuare a fregiarsi del proprio titolo ed esercitare la professione secondo lo schema del regolamento delineato...


CTU da rinnovare se non corrisponde alla realtà dei fatti - Cass. Civ. 18422/2013 (Est. Pasquale D'ASCOLA)
di Paolo M. Storani - Ragionando sull'art. 844 codice civile l'accertamento della tollerabilità o meno delle immissioni ("di fumo o di calore, le esalazioni, i rumori, gli scuotimenti e simili propagazioni derivanti dal fondo del vicino", stando al dettato codicistico) inerisce non già ad un presupposto processuale, ma si riferisce ad una condizione dell'azione...


Dire “mi hai rotto i c…” ai Carabinieri, è oltraggio a pubblico ufficiale anche se l’espressione è di uso corrente
Il fatto che un’espressione offensiva sia entrata nel linguaggio comune non significa che la stessa perda il suo carattere oltraggioso e lesivo del prestigio del pubblico ufficiale, tanto più “ quando...


Avvocati: se il collega firma gli atti va pagato anche se non c'è formale procura
L’avvocato che fa firmare l’atto processuale a un collega e gli chiede di partecipare alle udienze deve corrispondere il compenso professionale anche in assenza di rituale procura. Lo ha deciso la Cassazione, con la sentenza...


Riforma Giustizia: il Cdm approva la delega sul processo civile. Ecco le principali misure. In allegato lo schema del DDL
Migliorare l’efficienza, velocizzare e rendere più comprensibili i processi, rafforzare le garanzie dei diritti delle persone, dei minori e della famiglia. Sono questi i principali obiettivi dellalegge delega sulla giustizia civile che ha visto la luce nel Consiglio dei Ministri di ieri pomeriggio


PIGNORAMENTO PRESSO TERZI - precetto non solo al DEBITOR DEBITORIS, ma anche all'avente causa a titolo particolare (Trib. Reggio Emilia ord. 10.2.14, Est. Gianluigi MORLINI)
di Paolo M. Storani - Il Tribunale di Reggio Emilia, in funzione collegiale, Pres. Rosaria Savastano, Est. Gianluigi Morlini, in data 10 febbraio 2014 ha emesso una significativa pronuncia che intendiamo sottoporre ai lettori di LIA Law In Action .


Avvocati: in regola con la cassa e l’ordine altrimenti cancellati!
Essere in regola con i pagamenti alla cassa forense e all’ordine, a pena di cancellazione dall’albo. Sono gli ultimi due requisiti richiesti agli avvocati dallo schema di regolamento predisposto dal Ministero della Giustizia nei giorni scorsi e attualmente al vaglio del Cnf per il dovuto parere


Il reato di lesioni personali dolose - guida legale aggiornata
Il reato di lesioni personali è una delle fattispecie dei delitti che offendono l’integrità fisica o psichica della persona ed è disciplinato dal codice penale all’art. 582, il quale stabilisce che “ chiunque cagiona ad al


Niente più avvocati "a tempo perso". Ecco le future regole per l’esercizio della professione. In allegato la bozza del regolamento del Ministero
Avvocati solo se la professione è esercitata “ in modo effettivo, continuativo, abituale e prevalente”. È questa la conditio sine qua non per chi vuole continuare la propria attività di avvocato sulla base dello schema di regolamento teso a disciplinare le modalità di accertamento dell’esercizio della professione forense pubblicato in questi giorni dal Ministero della Giustizia, in attuazione dell’art. 21 della l. n. 247/2012.


Sinistro stradale: anche se il danno biologico è lieve quello morale può essere notevole.
La liquidazione del danno morale prescinde da quella del danno biologico, pertanto, se quest’ultimo è lieve non significa che il primo non vada valutato ex sé e che possa essere invece di notevole rilevanza. Ad affermare tale principio è la Cassazione, nella sentenza n . 811/2015, pronunciandosi in una vicenda relativa al risarcimento danni richiesto alla compagnia assicurativa dai genitori e dalla sorella di un ragazzo investito da un’aut


Cassazione: no alle nozze gay, ma i diritti vanno tutelati. In allegato il testo della sentenza
"Nel nostro sistema giuridico di diritto positivo il matrimonio tra persone dello stesso sesso è inidoneo a produrre effetti perché non previsto tra le ipotesi legislative di unione coniugale". Ma le coppie omosessuali possono "acquisire un grado di protezione e tutela equiparabile a quello matrimoniale in tutte le situazioni nelle quali la mancanza di una disciplina legislativa determina una lesione di diritti fondamentali" derivanti dalla relazione.



L'evoluzione ontologica del danno morale
L’evoluzione ontologica del danno morale, a cura dell' Avv. Eraldo Quici. Nel corso degli ultimi sette anni, la natura del danno morale ha subìto un radicale mutamento da parte della Suprema Corte di Cassazione. Attraverso le cd. “sentenze di San Martino”, i giudici del Palazzaccio hanno ridefinito l’essenza ed i confini del pregiudizio morale, dotandolo di una propria autonomia. L’origine di questa evoluzione è da ricercarsi nella sent. Cass. SS.UU. nr. 26972 del 2008, nella quale si è stabilito che il danno non patrimoniale è una categoria generale non suscettibile di frazionamenti in eventuali sottocategorie. Nella decisione appena citata, pertanto, i giudici di legittimità hanno evidenziato. 

Fonte: Studio Cataldi

www.studiostampa.com

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento costruttivo è gradito, ovviamente tutto quello che, a nostro insindacabile giudizio, verrà ritenuto non in linea col dovuto rispetto per gli altri, sarà eliminato.